Bingo bongo

 

regia: Pasquale Festa Campanile

anno 1982

Durante una spedizione in Africa viene ritrovato un uomo, reduce da un disastro aereo quando era ancora bambino, che ha vissuto tutta la sua esistenza nella giungla lontano dalla civiltà: Bingo Bongo, dotato di forza sovrumana e capace di parlare il linguaggio degli animali.
L’uomo viene portato nel “mondo civilizzato” ed affidato ad un’equipe di scienziati intenzionati a studiarlo vedendo in esso l’anello di congiunzione fra l’uomo e la scimmia. Fra questi c’è anche Laura, unica dottoressa a riconoscere in lui il suo lato umano, e di cui Bingo Bongo si innamora.

Dopo che Laura viene allontanata a causa di divergenze col resto dell’equipe, Bingo Bongo evade dalla clinica venendo così in contatto con il resto del mondo. Ritrovata Laura si trasferisce a casa sua, dove la dottoressa gli insegnerà a parlare la lingua degli uomini ed a capire come funziona il mondo.

Disgustato dal mondo e deluso da Laura, Bingo Bongo decide di tornare in Africa utilizzando i mezzi più improbabili, dopo vari tentativi però gli animali gli impongono di restare, per far capire agli uomini che devono cambiare il loro modo di agire verso il mondo. Egli diventa così un tramite fra gli uomini e gli animali, concedendo agli uni le conoscenze degli animali ed agli altri promesse da parte degli uomini per un maggior rispetto della terra.

Sul finale incontrerà nuovamente Laura che ha imparato una frase nella lingua degli animali e che rivolgerà a Bingo Bongo: “Ti amo”.

Bingo bongoultima modifica: 2008-07-17T13:50:00+02:00da diavolodelmare
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Bingo bongo

Lascia un commento